Come può imparare qualcosa di diverso da sé stessa?

mercoledì 9 agosto 2017

Solo per poco.

Pensieri allegri che (so che sembra incredibile) non sono portati da questo caldo. Questo è più caldo da fornace che da sole. Caldo da "lasciatemi sciogliere come la strega del *inserire punto cardinale che non ricordo*". Buona giornata <3 
Troppo vicina al sole
e voli e voli,
come se potessi raggiungerlo
e toccarlo
e camminarci e capirlo senza bruciarti.
E voli sbattendo un paio d'ali
che ti sei creata con sudore e lacrime
che possono essere un'armatura solo per poco
che possono essere una protezione,
nascoste sotto il resto,
solo per poco.
E voli così vicina al sole
che sembra a portata di mano.
Sembra bastarti un attimo per sfiorarlo.
Sembra bastarti sporgerti
per averlo tuo.
Sembra.
Sembra possibile,
finché la protezione non crolla
e il lavoro non basta
e non hai come tenerti in volo
e senti di stare per cadere
e che non basta più planare per riposarti un attimo
planare per riprenderti,
senza il coraggio di tornare per terra
e dire che hai fallito
e dire che non ce l'hai fatta
e ammettere che hanno ragione
-hanno tutti ragione-
che certe cose sono troppo
e neanche tu -che credi solo nel troppo-
ce la puoi fare.
E cerchi di planare
-ah, come se fosse una scelta-
-le lacrime evaporano-
ma il vento ti porta sempre più giù
come se avessi stancato anche lui
e non riesca più a sostenerti.
E sbatti le ali ma sono a pezzi anche loro
sono stanche anche loro
parte di te.

E sbattere le ali
e planare
e cercare la giusta corrente
non bastano più
e la frustrazione evapora col calore del sole
e senti di evaporare anche tu
ma sei solo caduto
e nessun mare ti accoglie ad attutire il colpo

e ti sfracelli.
PS: per qualche motivo questa poesia mi ispira e voglio provare a rivisitarla in qualche modo, magari con delle rime o in inglese. Pubblicherò il risultato se è decente.

Nessun commento:

Posta un commento